Nuovi radioamatori a San Donato

20171117 220203 resized"La fortuna aiuta gli audaci"

Cominciare a scrivere con un aforisma simile, aiuta a vincere l’empasse della prima frase da stilare, ma apre al rischio di banalizzare quasi tutto quello che segue, soprattutto per il confronto che l’alta citazione attribuita al sommo Virgilio, immediatamente scatenerà.

Ma così è stato… un anno fa, in una serata di venerdì in sezione come tante altre, incontriamo alcuni sparuti aspiranti radioamatori. Pochissimi, invero. La tentazione di cancellare il corso di radioamatore che con una certa fatica avevamo organizzato, era forte: potevamo fare lezione a due, tre aspiranti con la possibilità che di lì a poco si sarebbero anche “persi per strada”, come in altri anni era -ahinoi- successo?

Ma nei loro sguardi ho intercettato un misto di delusione e speranza che non mi era mai capitato: “E adesso noi come facciamo?” sembravano dirmi con lo sguardo. Il più giovane di loro, accompagnato dai genitori, mi pareva colui che avesse lo sguardo quasi più supplicante degli altri: “Non deludetemi…”.

E così insieme a Francesco, IU2DMG, fresco di laurea e futuro ingegnere, non ce la siamo sentita di chiudere la porta in faccia a questo sentimento che si percepiva in sala riunioni quella sera.

Così quella sera “il corso per radioamatori” è diventato qualcosa di diverso da quello che eravamo abituati a fare e pronti a gestire. Con un po’ di coraggio, abbiamo spiegato ai nostri futuri alunni, che sarebbe stato difficile partire con così pochi partecipanti, ma che tuttavia potevamo impegnarci a supportarli nel loro percorso di studio. E così arrivare alla condivisione di una strategia di “tutoring” è stato un attimo.

Avremo fatto delle serate di teoria, prevalentemente a supporto dello studio autonomo di ciascuno di essi sul testo di riferimento, integrandolo di spiegazioni, esempi, esercizi e spunti presi dalla rete, quegli argomenti più ostici. Riscoprendoli anche nelle nostre debolezze di docenti. Ma quanti quiz abbiamo corretto? E quante risposte hanno ispirato le nostre lezioni?

Decidere di fare questa operazione non è stato semplice; dovevamo essere sicuri di poter contare sulla responsabilità, sulla volontà di arrivare al risultato, sul tempo da dedicare ed anche sul vincere la pigrizia di mettersi in gioco. Certo che non eravamo sicuri… ma audaci si, eccome. Ed abbiamo avuto ragione!

Abbiamo sottratto per mesi la sala riunioni ai soci nelle serate di incontro eppure nessuno s’è lagnato, forse perché tutti speranzosi di nuova linfa vitale e giovane per la sezione. Abbiamo tardato spesso oltre il limite stabilito le nostre lezioni, costretto “i ragazzi” a tenere gli occhi aperti ad ore impossibili e qualche genitore a fare le ore tarde per recuperare i pargoli.

Ecco che ha prevalso la maturità (no, non quella sostenuta da Giorgio!), lo spirito di conquistare una vetta, la responsabilità e la consapevolezza di fare qualcosa di diverso, di sfidante, l’autogratificazione per quello che ci saremmo portati a casa con un pizzico di sacrificio e di sforzo. Ognuno ha sottratto tempo a famiglia, svaghi, riposo, senza cedere alla tentazione di mollare tutto. E addirittura qualcuno s’è unito a noi durante il percorso; cioè invece di abbandonare la nave, l’equipaggio si rinforzava in navigazione: mai successo!

Ebbene…tutti i sei aspiranti, invero cinque futuri OM ed una YL, sono stati promossi nella settimana d’esami milanese.

Ecco quindi che tutto questo può avere l’ardire di festeggiare di Venerdì 17, alla faccia delle più becere scaramanzie.

E festeggiare un risultato ottenuto con fatica, con sacrificio e con costanza ha un sapore diverso dal “vincere facile”. Anche qui il plauso va alla squadra, che ha organizzato e preparato la festa con la doverosa torta, pasticcini ed “elettroliti” di varia natura. Tutto questo condividendolo con gli altri OM della sezione, con gli amici che ci vengono abitualmente a trovare e “disturbando” il team del bureau QSL in corso (chissà che Gloria non ci aiuti in futuro con questa incombenza, hi!).

Personalmente spero che i corsisti, oltre alla patente, si siano conquistati qualcosa d’altro: L’Ham spirit e quello che io mi ostino a chiamare l’Ham lifestyle, che uso comunicare con il mio essere OM e socio ARI.

Ora i neo patentati sono “nelle mani” di Roberto IK2HTY, perché li guidi ad entrare nel “sancta sanctorum” della nostra attività: la sala radio. Roberto è OM autorevole ed esperto di attività radio HF, sarà un altro tutor di riferimento per loro. Ognuno poi sceglierà la propria strada, perché a San Donato Milanese, la sezione ARI ha un’offerta di attività sociali che non è facile trovare da altre parti; per questo vogliamo che nuovi radioamatori crescano e ci affianchino.

Grazie a tutta la sezione ARI di San Donato, al Consiglio direttivo ed ai soci a cui abbiamo sottratto l’area di chiacchera dal vivo, a Francesco con cui ho diviso molto la lavagna e poco la cattedra, ma anche alle nuove leve che hanno dimostrato, insieme a noi, che i Radioamatori esistono e resistono.

Gloria (per cavalleria una YL si nomina per prima), Emanuele, Giorgio, Giovanni, Marco e Pietro si faranno sentire presto in radio. Ne sono certo ed io vorrei essere il primo ad essere contattato da loro.

’73 de Mirko – IK2WFS

RadioRivista digitale novembre 2017

rr 112017E' disponibile la versione digitale della nostra pubblicazione sociale "RadioRivista".

RadioRivista è ora quindi consultabile anche da PC, tablet e smartphone.

Consulta qui RadioRivista digitale 11-2017. Per la consultazione è necessario inserire user (il vostro nominativo) e password (ricavabile dal talloncino applicato a RadioRivista cartacea)

Addio Mario

I2MQPIl Presidente, i Sindaci, il Consiglio Dirtettivo e tutti i Soci della Sezione ARI di San Donato Milanese, sono vicini al dolore della famiglia di Mario Ambrosi, I2MQP.

Mario Ambrosi, Presidente dell'ARI Nazionale e venuto improvvisamente a mancare lunedì 6 novembre 2017.

Maggiori dettagli sulle esequie sul sito www.ari.it

Grande attività estiva dei nostri soci

20171008 143950Spedizione record di QSL raccolte dal nontro bureau

Venerdì 6 ottobre, abbiamo raccolto le QSL imbucate dai soci nel nostro bureau nei mesi estivi. Pronti per spedirle il tutto in via Scarlatti alla sede centrale ARI, abbiamo pesato le scatole. Risultato 12 kg di QSL !!!

Cluster